Non è raro fermarsi in un bar o al supermercato, acquistare una bottiglietta di plastica per poi magari riutilizzarla in seguito riempendola con acqua o altro. Ma questo non è esattamente ottimale per molte ragioni, a partire dal fatto che in generale, la plastica ci sta letteralmente accompagnando alla deriva.

Giusto qualche dato, tanto per capirci. Secondo il WWF ogni anno vengono prodotte su scala globale 396 milioni di tonnellate di plastica vergine di cui circa 100 milioni sono disperse in natura a causa di comportamenti scorretti dei consumatori e di una serie di gap nella filiera della plastica. Il mare è l’ambiente più visibilmente compromesso: oltre l’80% dei rifiuti marini è costituito da plastica e ormai non è più insolito assistere a immagini apparentemente surreali di isole galleggianti e spazzatura di ogni tipo, anche nelle nostre spiagge.
Ma veniamo alle notizie positive: la Direttiva Europea sulla Plastica vieta dal 2021 i prodotti monouso in plastica e per le bottiglie in particolare, ha fissato un obiettivo di raccolta del 90% entro il 2025.
E questo giusto per fare un quadro veloce su quanto la questione sia sempre più urgente.
Se poi pensiamo alla continua proliferazione di batteri di cui siamo vittima nel riutilizzare più volte una bottiglia di plastica, capiamo bene quanto sia molto più conveniente (anche in termini economici) l’utilizzo di una borraccia riutilizzabile.

A questo punto dovremmo aver sciolto ogni dubbio ed eccoci pronti ad acquistare la nostra borraccia della vita. Ma quale scegliere?
Approfittiamo del valido consiglio di Wirecutter, il sito di recensioni di prodotti del New York Times che ha descritto la Hydro Flask (in particolare la Standard da 621ml) come la migliore borraccia in commercio. Per quale motivo? La Hydro Flask è risultata più affidabile, versatile e sicura.
L’involucro esterno in acciaio rende queste borracce termicamente isolate e questo permette di avere una temperatura esterna uguale all’ambiente mentre all’interno il caldo (anche bollente) viene mantenuto fino a 12 ore e il freddo può raggiungere anche le 24. Il vantaggio dell’acciaio è poi quello di non conservare odori e sapori dei liquidi che ha contenuto. La dimensione extra-larga del beccuccioglio consente l’inserimento di ghiaccio e una volta chiusa, il test di ermeticità è brillantemente superato: neanche uno sgocciolamento.
Dato che anche l’occhio vuole la sua parte, ricordiamo che HydroFlask offre una vivace gamma di prodotti con diversi colori. Diverse anche misure e capacità e i tappi intercambiabili le rendono perfette come thermos caffè, portabevande liquide e per attività outdoor.
Si raccomanda comunque cura e attenzione per la pulizia con lavaggi quotidiani e asciugatura senza tappo.
E se è rimasto ancora qualche dubbio, basta provarle.